Logo Logo

banner.magg

Raduno Sabaudo

Il buon Dario Bilotti è stato l'ultimo fratello a scrivere qualche aneddoto per il nostro sito; negli ultimi due ha descritto le trasferte di Taranto, quella di quest'anno e quella del 2008; mi sembra quindi doveroso contraccambiare la sua abnegazione al gruppo, descrivendo il raduno che lui e l'altro fratello Rinaldo Tuninetti, hanno in modo impeccabile, organizzato a Torino a fine maggio. Mi sembra superfluo aggiungere le mie congratulazioni a quelle degli altri fratelli che hanno partecipato al raduno, sennò va a finire che Dario e Rinaldo (Ninì per la moglie), si montano la testa, anche se hanno tutto il diritto per farlo! E quel "Bravi, bravi, bravi" avuto da un fratello che non era presente, se lo sono proprio meritato. Io e mia moglie Pina, insieme a Cicciano e la sua consorte Grazia, siamo stati gli unici che ci siamo goduti tutto il raduno; gli altri, chi per una ragione, chi per un'altra, si sono persi o il pranzo improvvisato a casa di Dario, o la visita al castello di Racconigi, o entrambe le cose.
Siamo partiti in auto, io e Pina, la mattina di sabato 30 maggio alle nove e, come poi al ritorno, è stato un viaggio comodo perché...controcorrente; infatti noi andavamo al nord, mentre la maggior parte degli settentrionali si recavano verso sud per il ponte del 2 giugno; e di conseguenza anche il ritorno a casa fu contrario al rientro dall'esodo.
Con Dario, nella sua impolverata "Bravo" ci siamo incontrati a Poirino, piccolo centro a 26 Km a sud di Torino; era in compagnia di Mimmo Varriale, arrivato in aereo da Napoli, in mattinata. Poco dopo sono arrivati anche Cicciano e consorte, la quale era un po'turbata perché secondo lei, suo marito aveva allungato la strada, nel prendere la Torino-Savona invece della Torino-Piacenza. Pranzo improvvisato a casa di Dario ma non per questo meno sfizioso, a parte la "carbonara" ed a proposito devo dire che questa pietanza non è arte per i piemontesi! Dopo gli antipasti, annaffiati da del buon barbera, eravamo già sazi! Un po'di digestione l'abbiamo fatta poi nel giardino dei coniugi Bilotti; ma che dico? giardino? Sembrava una tenuta, ricca di vegetazione e di piante, forse un po'trascurata, ma è comprensibile, il buon Dario non è mica in pensione per dedicarsi al giardinaggio! E poi deve pure pensare ad accudire la sua numerosa famiglia faunistica: quattro cani e tre gatti.
Unico inconveniente la ferrovia adiacente la tenuta, ma Dario ha assicurato che col tempo ci si abitua al rumore dei treni in corsa. Dopo il caffè, abbiamo lasciata sola Graziella, per andare a recuperare Paolo Zanardello, che era da solo, e i coniugi Battipaglia, per poi andare all' agriturismo "Cascina La Verne" un ex-convento immerso nel verde e nella tranquillità, a pochi chilometri da Carmagnola. In serata sono arrivati poi gli altri due ospiti, e cioè Montin e Silvana. Pomeriggio in giro per Carmagnola. In serata cena di benvenuto al ristorante di questa antica cittadina "El quartin" ove erano ad attenderci Rinaldo, la sua consorte Clementina, un Rt/68 Gaetano e consorte, e una coppia di anziani amici di Dario, fratello e sorella, simpaticissimi. Cena a base di specialità piemontesi, che hanno reso la serata ancor più piacevole; lodevole anche il pensierino offerto dai due cari fratelli piemontesi, un pezzo di canna lavorato in cui era rinchiusa una penna, e alcuni fogli di benvenuto realizzati con il cuore, lo si capiva dalla frase "L'amicizia ha ragioni che la ragione non conosce...pensiamo sia desiderio comune che questo nostro incontro lasci in noi un ricordo tanto bello da essere ricordato con una frase che tutti amiamo: io c'ero."
Dario promise che ci avrebbe fatto scarpinare, ed ha mantenuto la parola; abbiamo camminato tanto, ma ne è valsa la pena; del resto dovevamo smaltire le abbuffate! Io ero già stato a Torino, ma grazie alla guida di due torinesi, l'ho conosciuta per bene e l'ho apprezzata; davvero una bella, pulita e ordinata metropoli, piena di turisti e con tante attrattive da visitare. Abbiamo iniziato con la visita al Palazzo Reale, dove un bravo cicerone ci ha fatto conoscere per bene il luogo di residenza della Casa di Savoia; che emozioni attraversare quelle austere e riccamente arredate stanze ove in passato avevano vissuto personaggi illustri come Carlo Alberto, Vittorio Emanuele III, Umberto II ultimo re d'Italia. Dopo il Palazzo Reale, una visita al Duomo, ove è conservata la "Sacra Sindone". Il break di mezzogiorno in un elegante ed economica tavola calda del centro e poi nel pomeriggio la visita al Museo Egizio, che è il terzo al mondo come importanza dopo quello del Cairo e di Londra; che spettacolo ragazzi! vedere per credere; ma ciò che a noi vecchi lupi di mare ha reso la visita più gradevole, è stata la guida, Erika, un' attraente giovane toscana, che ci ha distratto alquanto dalle bellezze artistiche egizie, vero Paolo? Dopo il Museo egizio, un giro per il centro, passando per la Mole Antonelliana, il simbolo di Torino e alla fine il ritorno in agriturismo per prepararci per la serata. Come da copione, pizzata a Carmagnola, dove alcuni impavidi hanno insistito con la "carbonara" si erano dimenticati che non era una pietanza piemontese! La mattina del secondo giorno, Dario puntuale ci è venuto a prendere e siamo andati in località Venaria Reale a 10 Km a nord di Torino. E qui abbiamo visitato il Castello Reale, nonché un incredibile parco e i Museo Egizio Sommerso che in verità mi ha lasciato un po' deluso; mi aspettavo qualcosa di diverso, invece c'erano solo dei piccoli reperti recuperati in mare; e poi non c'era una guida scelta, per cui Grazia, la moglie di Cicciano ci ha fatto perdere un mucchio di tempo perché voleva farsi una cultura egizia leggendo tutte le note esposte sui reperti! Ho fatto arrabbiare Mimmo, infatti avevo raccolto un ciottolo in un cortile, facendogli credere che lo avessi scardinato da uno dei pezzi archeologici del museo; e che fatica per convincerlo che scherzavo, mi ha dato una mano Dario!
Pranzo veloce sempre lì a Venaria, poi nel pomeriggio visita a Colle di Superga; abbiamo lasciato le auto ai piedi del colle e abbiamo raggiunto la sommità tramite una funicolare. Emozionante il Monumento dedicato al Grande Torino, lo squadrone che concluse la sua gloriosa esistenza su un aereo che si schiantò su questo colle. Stupendo lo spettacolo di Torino vista dall' alto. La Basilica era chiusa per lavori di restauro; alcuni di noi hanno voluto visitare le tombe di alcuni reali sabaudi. Era troppo tardi per tornare in agriturismo, così ci siamo recati direttamente al ristorante "14" di Carmagnola per la cena di arrivederci, che pure è stata molto gustosa. Ottimo pure il vino che ci ha riscaldato il cervello e così abbiamo convinto Dario a farcelo raffreddare visitando la sede dell'ANMI di Carmagnola, di cui lui e il fratello Rt sono soci, e pure quella breve visita è stata molto piacevole: l'ennesimo museo, seppur di origine marinara. Dopo quella visita ci sono stati i primi saluti. I coniugi Battipaglia ci avevano già salutati la sera prima. Questa volta ci siamo accomiatati da Rinaldo, consorte e le due coppie estranee al gruppo degli Em/68.
All'agriturismo abbiamo salutato pure Mimmo Freedome che il giorno dopo si è levato all'alba e accompagnato da Dario all'aeroporto, in aereo ha fatto ritorno a Napoli.
Mattinata del 2 giugno dedicata alla visita del Castello di Racconigi e annesso parco, residenza estiva dei Savoia, da parte dei residui del gruppo; i coniugi Cicciano, Paolo, Dario e sottoscritto con moglie; Giancarlo e Silvana ci avevano abbandonati al mattino. Oltre alla particolarità dell'appartamento reale, che più o meno rispecchiava quello di Torino e di Venaria, qui abbiamo visitato pure gli appartamenti delle badanti dei principi reali e gli enormi locali delle cucine; in parole povere fanno Museo anche le cose non nobili! Erano circa le dodici quando ognuno ha preso la via di casa sua. Commovente l' abbraccio a Dario che davvero si è prodigato, insieme a Rinaldo, a renderci piacevole questa breve vacanza: Dario che, in seguito, non ha voluto accettare l'Encomio Solenne attribuitogli da Moreno; si è schernito dicendo che loro due non sono stati bravi, ma che la nostra partecipazione al raduno ha reso il loro impegno lodevole, e che senza la nostra presenza non avrebbe avuto senso; diciamo che una cosa ha completata l'altra, a dimostrazione che questi incontri, oltre a consolidare la nostra fraterna amicizia, serve a farci conoscere il nostro Paese: un'Italia meravigliosamente bella e tutta da scoprire. Alla prossima, cari fratelli.

mastriani

 

Rosario Mastriani, Em68, uno di voi!

Stampa Email

Disclaimer

Tutte le immagini qui presenti, salvo ove specificato, sono di proprietà del "Corso EM68", pertanto è vietata la riproduzione di queste, anche se parziale su altri siti, senza espressa autorizzazione.